NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa Cookie

Con il presente documento, ai sensi degli artt. 13 e 122 del D. Lgs. 196/2003 ("codice privacy"), e in base a quanto previsto dal Provvedimento generale del Garante privacy dell'8 maggio 2014, si forniscono agli utenti del sito Comune di Pietrelcina (http://www.comune.pietrelcina.bn.it) alcune informazioni relative ai cookie utilizzati

Cosa sono i cookie

Un "cookie" è un piccolo file di testo creato sul computer dell'utente al momento in cui questo accede ad un determinato sito, con lo scopo di immagazzinare e trasportare informazioni. I cookie sono inviati da un server web (che è il computer sul quale è in esecuzione il sito web visitato) al browser dell'utente (Internet Explorer, Mozilla Firefox, Google Chrome, ecc.) e memorizzati sul computer di quest'ultimo; vengono, quindi, re-inviati al sito web al momento delle visite successive.

Nel corso della navigazione l'utente potrebbe ricevere sul suo terminale anche cookie di siti diversi (cookies di "terze parti"), impostati direttamente da gestori di detti siti web e utilizzati per le finalità e secondo le modalità da questi definiti.

Tipologie di cookie

Questo sito fa uso di 2 tipologie di cookie:

Cookie tecnici essenziali

Sono necessari al corretto funzionamento del sito. Consentono la navigazione delle pagine, la memorizzazione delle credenziali d'accesso di un utente (per mantenerle attive durante la navigazione). Senza questi cookie non potrebbero essere erogati i servizi per cui gli utenti accedono al sito.

Cookie di terze parti

Attraverso il sito Comune di Pietrelcina (http://www.comune.pietrelcina.bn.it) sono installati alcuni cookie di terze parti, anche profilanti, che si attivano cliccando sul corrispondente link.

Modalità del trattamento

Il trattamento viene effettuato con strumenti automatizzati dal Titolare. Non viene effettuata alcuna diffusione o comunicazione.

Conferimento dei dati

Fatta eccezione per i cookie tecnici strettamente necessari alla normale navigazione, il conferimento dei dati è rimesso alla volontà dell'interessato che decida di navigare sul sito dopo aver preso visione dell'informativa breve contenuta nell'apposito banner e di usufruire dei servizi che comportano l'installazione di cookie.

L'interessato può quindi evitare l'installazione dei cookie mantenendo il banner (astenendosi quindi dal chiuderlo cliccando sul tasto "Approvo"), nonché attraverso le apposite funzioni disponibili sul proprio browser.

Disabilitazione dei cookie

Fermo restando quanto sopra indicato in ordine ai cookie strettamente necessari alla navigazione, l'utente può eliminare gli altri cookie attraverso la funzionalità a tal fine messa a disposizione dal Titolare tramite la presente informativa oppure direttamente tramite il proprio browser.

Ciascun browser presenta procedure diverse per la gestione delle impostazioni. L'utente può ottenere istruzioni specifiche attraverso i seguenti link:

La disattivazione dei cookie di terze parti è inoltre possibile attraverso le modalità rese disponibili direttamente dalla società terza, come indicato ai link riportati nel paragrafo "cookie di terze parti"

Diritti dell'interessato

L'interessato potrà far valere in ogni momento, rivolgendosi al titolare del trattamento tramite l'invio di una mail, i diritti di cui all'art. 7 del D.Lgs. 30 giugno 2003 n. 196, che di seguito si riporta testualmente.

Art. 7 D. Lgs. 196/2003

1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.

2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:

a) dell'origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l'ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell'articolo 5, comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.

3. L'interessato ha diritto di ottenere:

a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l'integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.

4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:

a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.

SEZIONE INFORMAGIOVANI
IMAGE Concorso per l’esame abilitante alla professione di Agrotecnico e di Agrotecnico laureato
Martedì, 02 Maggio 2017
Con Ordinanza del Ministero dell’Istruzione dell’Università, e della Ricerca pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del giorno 28 aprile 2017 n. 32 - 4° serie speciale concorsi,... Read More...
IMAGE Avviso di Mobilità Volontaria presso Comune di Follina
Martedì, 18 Aprile 2017
Avviso di Mobilità volontaria istruttore amministrativo cat C a tempo pieno presso ufficio ragioneria Comune di Follina. Domanda entro le ore 12,00 del giorno 06/05/2017 con le modalità... Read More...
IMAGE Social Film Festival Artelesia 2017 - X° edizione
Giovedì, 09 Marzo 2017
Concorso Internazionale del Cinema Sociale e delle Arti Al via la decima edizione del Social Film Festival Artelesia con la pubblicazione del bando di concorso per le Scuole e le Università e... Read More...
IMAGE Ben-Essere Giovani - AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA COSTITUZIONE DI UN PARTENARIATO PER LA REALIZZAZIONE DI ATTIVITA' POLIVALENTI A FAVORE DEI GIOVANI
Giovedì, 16 Febbraio 2017
AVVISO PUBBLICO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA COSTITUZIONE DI UN PARTENARIATO FINALIZZATO ALLA CANDIDATURA DI UNA PROPOSTA PROGETTUALE A VALERE SULL’AVVISO PUBBLICO DELLA REGIONE... Read More...
IMAGE Proroga domande - Borse di studio per i figli e orfani di dipendenti pubblici, per svolgere Master Universitari CMN
Giovedì, 01 Dicembre 2016
INPS - Gestioni Dipendenti Pubblici, in collaborazione con Il CAMPUS MARE NOSTRUM 37 /38, Campus di Eccellenza Internazionale tra l’Universitá di Murcia e l’Universitá... Read More...
IMAGE BANDO PUBBLICO per l’assegnazione di n.10 Borse di Studio per la partecipazione gratuita al Master Universitario di I livello di PROJECT MANAGER DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
Venerdì, 20 Gennaio 2017
ASMEL, Associazione per la Sussidiarietà e la Modernizzazione degli Enti Locali, www.asmel.eu, assegna 10 Borse di Studio per la partecipazione gratuita al Master Universitario di I livello... Read More...
Stampa

La MADONNA DELLA LIBERA a PIETRELCINA

(a cura del prof. Domenico Caruso)

In occasione della Festa Patronale dell'agosto del 1975, il compianto padre Ezechia Cardone dell'Ordine Frati Minori, pietrelcinese e amante delle cose passate pucinare, così scriveva sul primo numero del periodico «CONFRONTO» curato dai giovani dell'Azione Cattolica di Pietrelcina:

LA DEVOZIONE DELLA MADONNA DELLA LIBERA A PIETRELCINA

«Pietrelcina, in questi giorni, celebra solennemente la sua Celeste Patrona: Maria SS. della Libera, della quale era devoto particolarmente Padre Pio.

La Madonna della Libera e San Pio della pittrice Fryda Ciletti, 1972 - (foto di Angelo Masone)Tale devozione, in Pietrelcina, è antichissima: ne fanno fede i lasciti o donazioni di pucinari alla Cappellania omonima, rogati negli anni 1588 - 1591, dal notaio pietrelcinese Giovenale Fuccio. La Cappellania era un ente giuridico, religioso o laico, legalmente eretto, con finalità di culto o di carità; case, terreni, prestazioni varie, ne costituivano il patrimonio. Amministratrice dei beni era la stessa congrega di S. Maria della Libera. Oltre quella della Libera, nel secolo scorso, vi erano in Pietrelcina anche le Cappellanie del SS. Sacramento, dell' Annunziata e del Rosario. Tutte, purtroppo, cessarono di esistere ed i loro beni vennero incamerati dallo Stato in seguito alla legge eversiva del 15.8.1867, n.3848.

Da un Inventario redatto dal notaio beneventano Francesco Imbimbo nel 1712, sappiamo che la Cappellania di Santa Maria della Libera possedeva: nella Chiesa dell'Annunziata, un altare proprio con un grande quadro della Madonna e relative suppellettili sacre; nel centro abitato, tredici case di abitazione con diversi vani e 52 appezzamenti di terreno di varia estensione nelle contrade del paese. La Cappellania aveva l'obbligo, o peso annuale, della celebrazione di 104 messe lette, una ogni sabato ed un'altra ogni domenica dell'anno, e cinque messe cantate con i vespri nei seguenti giorni: martedì di Pasqua e di Pentecoste, il 2 luglio (festa della Visitazione), la prima domenica di agosto e, infine, il 27 dicembre festa di S. Giovanni Evangelista.

Poiché non si aveva memoria della fondazione di detta Cappellania, il Cardinale ORSINI (poi papa Benedetto XIII) la eresse canonicamente con bolla del 18.6.1692. Anche prima del terremoto del 5.6.1688, che rase al suolo Pietrelcina, il centro della devozione fu sempre l'attuale chiesa parrocchiale anticamente detta dell'Annunziata, anche se nella antica chiesa parrocchiale di Santa Maria sul castello, crollata nel predetto terremoto, vi era un quadro di S. Maria della Libera unita ad altri Santi.La Madonna della Libera con Angeli e anime purganti - (foto di Angelo Masone)

L'altare della Madonna della Libera, consacrato dal Cardinale ORSINI il 31.10.1907, era collocato nella navata destra, dove attualmente si trova quella del Rosario. Sopra l'altare suddetto vi era un grande quadro su tela della Madonna della Libera con gli Angeli. Della statua della Madonna della Libera non vi è cenno nei documenti dell'archivio parrocchiale fino al 1712. L'attuale simulacro policromo è certamente della scuola napoletana del primo settecento. Dalla stessa scuola, in epoca imprecisata, fu costruita, fuori dell'abitato, ove si trova attualmente il Parco della Rimembranza, una chiesa dedicata a Santa Maria della Libera, ma destinata alla sepoltura dei fedeli. Prima di questa epoca serviva allo scopo un cimitero attiguo alla Chiesa dell'Annunziata. Detta chiesa era comunemente denominata del Purgatorio. Cessò di funzionare come cimitero il 1.1.1877 e fu demolita, in seguito a frana, nel 1925. La relativa campana e le pietre furono portate processionalmente, il 25 maggio dello stesso anno, al cantiere dell'erigendo Convento dei Cappuccini. Il quadro della Libera, ivi esistente, con Angeli e anime purganti in basso, ora si trova nella chiesa parrocchiale. L'altare fu anche trasferito nella stessa chiesa e collocato ai piedi dell'altare di S. Antonio da Padova.

La devozione della Madonna della Libera ebbe maggiore incremento dopo il miracolo della cessazione del colera avvenuto il 3 dicembre 1854. Nel corso dei lavori di prolungamento dell'attuale chiesa parrocchiale, iniziati verso il 1880 dall'arciprete Don Nicola DE TOMMASI e portati parzialmente a termine dall'arciprete PANNULLO nel 1906, la statua della Madonna della Libera fu collocata nell'abside della navata centrale, mentre al suo posto fu trasferita quella del Rosario. Nel 1908, a cura degli emigrati d'America, fu eretto l'attuale trono marmoreo in sostituzione del preesistente in pietre e stucchi. Quando a causa delle leggi eversive tutti i beni della Cappellania della Libera andarono perduti, la civica amministrazione, d'accordo con l'arciprete, assunse l'incarico di curare, mediante un Comitato, i festeggiamenti in onore della sua Patrona nelle tre feste a lei dedicate: prima domenica di agosto, 3 dicembre, 2 luglio.

Il Comitato, costituito ai primi di luglio, espletava il suo mandato con la festa del luglio successivo. I componenti del Comitato erano detti "masti e festa".

I Genitori di Padre PioGrazio FORGIONE, padre di Padre Pio, fu varie volte masto 'e festa; Padre Pio stesso, in alcuni lavori giovanili, ha descritto i festeggiamenti di agosto degli anni 1900-1902, in chiesa e fuori. Quella di agosto, la principale del paese, era festa di chiesa e di piazza, mentre le altre due erano a carattere strettamente religioso. In chiesa, tutta addobbata con serici drappi, aveva luogo la solenne novena con predicazioni e vespri negli ultimi giorni.

La domenica, dopo numerose messe lette, alle 11, c'era la messa cantata con orchestra e panegirico. Seguiva subito dopo la solenne processione. Sulla porta della chiesa aveva luogo l'asta della Statua, cioè l'offerta del prezzo più alto per portare a spalle la Madonna per le vie cittadine. A sera vespri solenni e benedizione.

La statua della Madonna della Libera di Pietrelcina - (foto di Angelo Masone)All'esterno, in piazza, allietavano la cittadinanza sempre due concerti bandistici, luminarie, bancarelle, giostre e fuochi d'artificio. Vi erano, inoltre, il volo dell'angelo, l'albero della cuccagna, le corse nei sacchi ed altri giochi folcloristici. Io ricordo anche una corsa ciclistica. In anni ormai lontani coreografica era la raccolta delle gregne di grano alla Madonna. Nel pomeriggio della domenica aveva luogo la sfilata dei carri agricoli carichi di spighe offerti dai massari. Si partiva dalle Gregarie, via Roma, piazza Annunziata, Corso, ora Padre Pio, e ci si fermava al luogo di partenza. Una apposita commissione davanti la chiesa assegnava il premio al carro più bello, ed un altro premio al carro più carico. Il premio era costituito da un pacco di copeta ed un quadro della Madonna della Libera. Chi non possedeva buoi partecipava alla sfilata con carri più piccoli, con asini o muli o con carretti di vimini, muniti di ruote leggere e tirate da un paio di capre. Tutte le spighe si trebbiavano nella settimana successiva a cura del Comitato. Dall'uso dei carri quella di agosto era chiamata: la festa della Madonna della Carre. Spettacolare era anche la raccolta delle offerte in danaro e grano. Più volte, durante i tre giorni di festa, si formavano i cortei che di solito partivano dai vari rioni cittadini con bambini, recanti banconote infisse con spilli su ceri e con robuste popolane, con tini colmi di grano in testa.

In tempi ancora più lontani anche i signori facevano le loro sfilate. Il capo famiglia, in groppa ad un cavallo riccamente bardato guidava la schiera di figli e nipoti, recanti ciascuno ceri con banconote, ed i coloni che guidavano cavalli ed asini con salme di grano o baschére di messi. Ogni sfilata era sempre preceduta dalla banda musicale.

Ora di questa antica costumanza non vi è più traccia! I tempi sono mutati. Il folklore di una volta appartiene al passato. Ma la devozione alla Madonna della Libera, quella permeata di riconoscenza ed amore, resta sempre viva nel cuore di ogni figlio di Pietrelcina.»

padre Ezechia Cardone  (Ordine Frati Minori)